Aprire un Bed and Breakfast: l’importanza della formazione

Dopo tanti anni che mi occupo appunto di ricettività alberghiera mi rendo conto di quanto sia importante, per gli aspiranti operatori, partire con il piede giusto avendo chiarito per prima cosa  di cosa stiamo parlando, perchè la confusione è ancora tanta… poi che cosa prevede la legge per esere in regola ed evitare di incorrere in multe salate.

Ho visto che anche la gestione operativa è un tema delicato perchè non tutti sono consapevoli di  come  si espletano le pratiche e di come si interagisce con gli ospiti: la buona accoglienza non è così scontata!

Non è un caso che come in altri ambienti ci siano professionisti…

http://www.varesenews.it/2015/07/grande-successo-per-il-corso-per-gestori-di-bed-breakfast/385789/

Annunci

Gli agriturismi negli USA sono trendy.

Strategici per il turismo lì e qui da noi da sempre, purchè di qualità.

Meditate gente.

https://skift.com/2017/04/25/local-food-trend-keeps-farms-at-center-of-tourism-strategies/

 

B&B, CAV e affitti brevi in Lombardia: un groviglio da districare

Le intenzioni erano buone, con la nuova legge regionale sul turismgroviglioo si volevano semplificare le procedure, modernizzare  l’immagine e la sostanza della ricettività lombarda, anche alla luce dei cambiamenti socio-economici introdotti dalla sharing economy e   regolare di fatto gli affitti turistici brevi, fenomeno letteralmente esploso grazie al portale Airbnb.

L’iter è stato lunghissimo e sofferto,  dalla prima bozza del gennaio 2015, contenente interessanti novità,  si è giunti all’approvazione del provvedimento (LR n. 27 ) solo il 1 ottobre 2015. Con  parecchi  importanti cambiamenti e molte specificità da definire con successivi decreti attuativi.

Questi ultimi avrebbero dovuto essere pubblicati entro 120 giorni  ma hanno visto la luce a maggio 2016.

Possiamo solo immaginare  la confusione e  il  disorientamento degli operatori vecchi e nuovi  di fronte ai  segnali di cambiamento, alla disinformazione e i legittimi dubbi. Dai privati che desiderano gestire un B&B o un appartamento in locazione turistica agli enti locali  tenuti ad  informare, attivare le procedure ed effettuare i controlli.

Ad oggi ci rendiamo conto che è stato fatto un grande sforzo da parte del legislatore per ottenere una legge regionale sul turismo moderna ed efficace ma con molti punti ancora poco chiari e altri considerati da alcuni discriminanti e illegittimi.

Questo è accaduto perché  alcuni soggetti interessati direttamente o indirettamente sono intervenuti per difendere le loro posizioni corporative e ostacolare quelle dei loro “concorrenti” .

Certamente è difficile, anzi impossibile accontentare tutti,  ma in definitiva il provvedimento così com’è si presta a numerose contestazioni ed è, al momento, poco efficace ai fini dell’emersione del cosiddetto abusivismo.

Noi  consulenti poniamo il massimo sforzo per illustrare e spiegare il contenuto di questa legge al fine  di fornire un  aiuto pratico  a coloro che desiderano entrare nel mondo della ricettività non alberghiera, primariamente in Lombardia. Forniamo anche un metodo di lavoro e consigli utili per gestire al meglio il proprio Bed and Breakfast, la propria Casa Vacanze o un appartamento in locazione turistica breve.

Ne parleremo il 18 febbraio prossimo a Milano. Per informazioni e adesioni seguite questi link: https://www.facebook.com/events/405085716491008/

http://www.friendly-home.org/it/corsi

Bed and Breakfast addio!

Dopo quin$_35dici anni dalla sua nascita ufficiale in Italia, il Bed  and Breakfast come lo abbiamo voluto, vissuto e promosso sta per scomparire.

Sembra un paradosso, proprio ora che questo tipo di accoglienza turistica ha raggiunto la sua massima diffusione, che è entrato nel  vissuto quotidiano come concetto e come pratica di vita per tanti di noi, viaggiatori o operatori che con questa formula hanno potuto integrare il proprio reddito familiare,  ampliare il giro delle proprie conoscenze o anche scoprire una inaspettata attitudine per l’accoglienza turistica e farne infine la propria professione.

Tutto ciò è stato possibile perché i legislatori, non senza pressioni arrivate da ogni parte, hanno inizialmente favorito lo sviluppo di questa forma di accoglienza turistica ()molto apprezzata dai viaggiatori di tutto il mondo, con normative e adempimenti semplificati, come  dovrebbero essere per chi offre ospitalità utilizzando  un paio di camere della propria casa e fornendo un servizio di pulizia delle stesse e la colazione, appunto   “in famiglia” .

Ora tutto sta cambiando. E’ vero che in  alcune zone  i B&B fanno concorrenza agli alberghi di categoria bassa – da 1 a 3* – ma è anche vero che questi ultimi non hanno saputo rinnovarsi e adattarsi alle nuove e mutate esigenze del viaggiatore contemporaneo, lasciando campo libero ad altri soggetti più flessibili  e innovativi. I B&B hanno anche consentito a località ricche di attrattive culturali e naturali ma poco frequentate dal turismo (perché non facilmente raggiungibili ma soprattutto  sprovviste  di ricettività tradizionale) di  affermarsi come  destinazioni turistiche.

Poi la diffusione della sharing economy e la  nascita del portale internazionale Airbnb  e similari hanno sparigliato le carte e diffuso una certa mentalità che tutto si possa fare con un semplice clic e soprattutto  “ senza regole”, caratteristica tipica di ordinamenti più aperti del nostro.  Questo ha portato ad una crescita esponenziale dell’offerta  ricettiva da parte di soggetti  privati   ma anche un conseguente abusivismo diffuso. In alcuni casi voluto ma in molti altri frutto della buona fede e della disinformazione. Molti degli host di Airbnb aderiscono con entusiasmo al portale ma non sanno che in Italia per svolgere una qualsiasi attività ricettiva, anche  occasionale, è necessario conformarsi ad una serie di regole, sancite da leggi regionali e nazionali.

Dal punto di vista  dei competitors sul territorio, abusivismo significa concorrenza sleale e mancato guadagno ma  per quanto riguarda gli enti pubblici significa mancanza di controlli sulla qualità dell’offerta, incertezza  dei  reali dati statistici di arrivi e presenze turistiche e soprattutto mancati introiti fiscali a vari livelli.

Da un paio di anni stiamo assistendo ad una nuova tornata di leggi regionali che modificano o riscrivono completamente  normative precedenti con l’aggiunta di  nuovi requisiti, adempimenti e procedure (dettate  spesso da leggi europee e leggi nazionali provenienti da altri ambiti come il commercio, la sicurezza ecc. ) che stanno  via via  trasformando  le attività ricettive a gestione non imprenditoriale in attività professionali vere e proprie. Il Bed and breakfast è una di queste.  Una vera giungla per l’operatore che si sente sempre meno motivato ad aprire questo tipo di attività.

Per esempio il Veneto, da sempre un apripista in materia, già con la legge del 2013 aveva stabilito  che tutta la ricettività regionale doveva avere caratteristiche di imprenditorialità, ad esclusione del Bed and Breakfast;  recentemente questa regione ha pubblicato  una delibera –  n. 498 del 19 aprile 2016 –   che stabilisce che il Bed and Breakfast può essere gestito in modo non imprenditoriale solo nei 559 Comuni con “bassa affluenza turistica” (ribaltando quanto considerato fino ad ora dalle leggi regionali); di conseguenza nei 20 Comuni a maggiore afflusso turistico il Bed and Breakfast deve essere gestito unicamente in maniera imprenditoriale.

In Lombardia la  legge 27/2015 e il  relativo Decreto attuativo in vigore solo dal 9 agosto scorso stanno purtroppo andando in questa direzione, sia per i B&B che per quanto riguarda le locazioni turistiche di case e appartamenti.

Per  approfondire tutti gli aspetti relativi ai B&B e alle Locazioni Brevi non imprenditoriali potete partecipare ai nostri seminari che si terranno prossimamente a Milano, il primo di questi, il più completo avrà luogo  il 24/09  (con  deadline  il 5/09).  Il secondo del 8/10 sarà focalizzato unicamente sulle modifiche della normativa lombarda.

Per informazioni e prenotazioni: http://www.friendly-home.org/it/corsi

http://www.Aries2-consultants.wix.com/aries2#!-la-formazione/c1vft

https://www.facebook.com/events/141075846296906/

Turismo: nuova legge Emilia Romagna

Approvato progetto di legge

Questa regione, da sempre all’avanguardia nel panorama turistico ha eleborato un nuovo testo che consentirà al turismo emiliano-romagnolo di essere al passo con i tempi per quanto riguarda l’offerta turistica e  il funzionamento della macchina amministrativa, mettendo al centro le “destinazioni” e le esigenze dei nuovi viaggiatori.

Riporto l’articolo in attesa di notizie più dettagliate.

Quando l’elefante può convivere con il topolino

Martedì scorso Rita ed io abbiamo assistito al primo forum dedicato all’extralberghiero, tenutosi a Milano presso la sede di Confcommercio.

Naturalmente tutti i riflettori erano accesi sugli appartamenti affittati da privati per brevi periodi, la cui crescita vertiginosa di numero e di fatturato sta meravigliando gli stessi operatori specializzati e gli esperti di turismo.

Il merito principale deve essere riconosciuto senza alcun dubbio ai grandi player globali, senza la cui forza propulsiva, volontà di espansione e indubbie capacità di marketing e di comunicazione questi risultati sarebbero ancora lontani anni luce. Parlo di tutti indistintamente, senza riferimenti precisi al posizionamento di mercato o ai vantaggi – concreti o più “psicologici” di appartenenza – promessi ad host e clienti dal singolelefanteo. Cito i più importanti: Airbnb, ormai sinonimo di sharing economy, Booking.com, il gruppo Expedia, di cui fa parte Tripadvisor e in cui è confluito di recente il gruppo Homeaway, a sua volta costituito da Homelidays e da altri portali ancora. Davvero c’è da andare nel pallone, riflettendo soprattutto sul fatto che questi megacolossi vendono “relazioni” tra privati – il proprietario dell’appartamento e i suoi ospiti -, atmosfere di casa, autenticità degli incontri e del territorio.

Che spazio dunque possono ritagliarsi i piccoli circuiti locali di appartamenti e B&B? Il marketing ci insegna che più una realtà è piccola, più deve distinguersi dai leader andando nella direzione opposta, colmando eventuali spazi lasciati liberi, offrendo qualcosa che i colossi, per forza di cose, non possono garantire. Queste mini organizzazioni possono ad esempio personalizzare al massimo il contatto con i clienti, spesso così anonimo presso le grandi società, lasciando da parte le prenotazioni on line e puntando invece esclusivamente al rapporto diretto telefonico o via e-mail.  Arriveranno così ad intercettare quelle persone – ancora tante – che non hanno tempo e voglia di cercare una struttura ad hoc navigando tra mille e più proposte, che desiderano avere un unico referente di fiducia – consulente professionale, in grado di identificare per loro la sistemazione più idonea, di fornire subito tutti i dati necessari non contenuti nel sito, flessibile e disponibile in caso di bisogno. E così i proprietari, che possono sempre avere lo stesso interlocutore quando hanno un problema o un quesito, cosa non fattibile quando si ha a che fare con organizzazioni complesse, dove le persone del centro assistenza si alternano in continuazione…sempre che siano persone e non risposte standard alle FAQ. Insomma un servizio di consulenza e di assistenza su misura per ognuno…anche questa è sharing economy.

Giulia Carosella

La Lombardia ha una nuova legge sul turismo

Dopo lunga e difficoltosa gestazione ha visto la luce la legge regionale n. 27 del 1 ottobre 2015. E’ stata pubblicata sul BURL in data 2 ottobre ed entrerà in vigore dopo 15 giorni. Sostituisce il Testo Unico del 2007 che conteneva norme risalenti agli anni ’80.

La riforma punta innanzitutto  su un approccio integrato al tema dell’attrattività del territorio: un concetto ampio e trasversale che comprende non solo il turismo, ma anche altri ambiti dell’economia come il commercio, i servizi, la cultura, l’artigianato, ecc.  

Si parla infatti di valorizzazione turistica possibile, superando l’eccessiva frammentazione tra gli operatori e le istituzioni; del partenariato pubblico-privato che favorisce le reti di imprese, i consorzi e tutte quelle forme di aggregazione degli operatori  che potranno lavorare su progetti condivisi e mirati.

Quindi nuova disciplina sui servizi di informazione turistica e sulle professioni turistiche.

Per quanto riguarda le strutture ricettive ci sono diverse novità nell’ambito della ricettività non alberghiera: bed and breakfast e affitti turistici.

Se  volete saperne di più potete ancora iscrivervi al nostro seminario del 24 ottobre prossimo che si terrà a Milano.

Per informazioni e iscrizioni: Pamela Brusati  (solo fino al 9 ottobre)

Form Tre S.r.l.

Via Valtellina, 63

20159  Milano

Tel 02 45486101

Fax 02 45485722

web www.formtre.it